(troppo vecchio per rispondere)
Dismissione auto
SiRiO°
2008-04-21 16:44:01 UTC
Un imprenditore (ditta individuale) nel 2006 ha apportato nell'attività
l'autovettura (uso promiscuo) dal proprio patrimonio personale, quindi
iscrivendola nel registro cespiti ammortizzabili pur senza effettuare
alcuna quota d'ammortamento, al solo scopo di detrarre le spese carburanti.
Nel 2007 ha dismesso l'auto per comprarne un'altra.
E' giusto parlare di minusvalenza riferendosi al valore inserito nel
libro cespiti nel 2006 ed inserirla in contabilità?
Grazie.
--
SiRiO


Faccio sempre ciò che non so fare, per imparare come va fatto.
(V. Van Gogh)
l***@libero.it
2008-04-21 16:54:09 UTC
Post by SiRiO°
Un imprenditore (ditta individuale) nel 2006 ha apportato nell'attività
l'autovettura (uso promiscuo) dal proprio patrimonio personale, quindi
iscrivendola nel registro cespiti ammortizzabili pur senza effettuare
alcuna quota d'ammortamento, al solo scopo di detrarre le spese carburanti.
Nel 2007 ha dismesso l'auto per comprarne un'altra.
E' giusto parlare di minusvalenza riferendosi al valore inserito nel
libro cespiti nel 2006 ed inserirla in contabilità?
Grazie.
--
SiRiO
Faccio sempre ciò che non so fare, per imparare come va fatto.
(V. Van Gogh)
Nel libro cespiti andava inserita con valore pari a zero (secondo me)
ma comunque il concetto non cambia: in questo caso non devi fare
nessuna fattura di vendita in quanto l'auto è rimasta nella sfera
privata, pertanto non si realizza nessuna plusvalenza! Nel libro
cespiti devi solo rilevare l'eliminazione totale allo stesso valore
del cespite che avevi indicato nel 2006 per evitare che la procedura
rilevi una plus o minus. Ciao.
SiRiO°
2008-04-21 17:08:25 UTC
Post by l***@libero.it
Nel libro cespiti andava inserita con valore pari a zero (secondo me)
ma comunque il concetto non cambia: in questo caso non devi fare
nessuna fattura di vendita in quanto l'auto è rimasta nella sfera
privata, pertanto non si realizza nessuna plusvalenza! Nel libro
cespiti devi solo rilevare l'eliminazione totale allo stesso valore
del cespite che avevi indicato nel 2006 per evitare che la procedura
rilevi una plus o minus. Ciao.
In pratica anzichè inserire il cespite a valore zero ho inserito il
valore dell'auto (dati quattroruote) in quel momento, ma poi ho indicato
il bene come "non ammortizzabile" inibendo la possibilità del software
di calcolare le quote di ammortamento, il risultato finale è lo stesso.
L'errore, da quello che leggo nella tua risposta, l'ho fatto al momento
della dismissione, perchè ho inserito un valore di vendita pari a Zero
anzichè lasciare il valore che avevo inserito inizialmente, quindi ho
sempre una minusvalenza tra i piedi.
Ti ringrazio per i chiarimenti.
Ciao
--
SiRiO


Faccio sempre ciò che non so fare, per imparare come va fatto.
(V. Van Gogh)